Teatro Per Casa
Teatro Per Casa
Fra la terra e il mare, Concert Arsura d'amuri Don Chisciotte in Sicilia Bestie rare Telemomò Manzoni senza filtro Love is in the hair Post partum Due passi sono Walking Dad - Nato Sotto il Segno dei Gamberi Groppi d'amore nella scuraglia Opinioni di un uomo comune Lampedusa è uno spiffero!!! Annunziata detta Nancy Make like a Tree, Concert Discorso sul Mito Modern Family 1.0 La vita non basta Lui e Leila Il piccolo guitto I Corteggiatori - Poesie d'amore da Merini a Neruda Phillip Bracken, Concert Primi passi sulla luna La Nasca 46 tentativi di lettera a mio figlio Reinis Jaunais, Concert Pepe Ragazza seria conoscerebbe uomo solo max 70enne Con le tue labbra senza dirlo Davide Di Rosolini, Concert Bim Bum Bang! Diario di provincia Il mio occhio destro ha un aspetto sinistro Il ritratto della salute Murgia Mamma, Piccole tragedie minimali Un'ora di niente IO, ovvero come sopravvivere all'epoca del narcisismo
Expat Undeground - I figli se ne devono andare, ma se poi non tornano? Play Video
Aggiungi ai preferitiVai alle recensioniOspita lo spettacolo

Expat Undeground - I figli se ne devono andare, ma se poi non tornano?

Collettivo artistico Paper Smokers / Fumatori di Carta

Durata 70 minuti

Negli ultimi dieci anni il numero di emigrati italiani è triplicato e la fascia più alta è quella dei giovani fra i 25 e i 39 anni. In particolare, Londra è diventata la quinta città italiana. EXPAT UNDERGROUND racconta l’incontro-scontro fra Cecilia, moderna emigrante, e Londra, eldorado contemporaneo, ambito da sempre più generazioni di giovani italiani.

Share on Facebook

EXPAT UNDERGROUND racconta l’incontro-scontro fra Cecilia, moderna emigrante, e Londra, eldorado contemporaneo, ambito da sempre più generazioni di giovani italiani. Cecilia arriva a Londra per provare ad inventarsi il futuro che ha in mente: diventare inglese rimanendo però fortemente italiana. La vita inglese si dispiega fra straordinarie avventure, una carriera di successo e un dinamico stile di vita metropolitano… Più o meno. Tra mille mestieri, in condizioni che un italiano in patria non accetterebbe mai, incontri con personalità le più disparate e la minaccia della Brexit, Cecilia si ritrova sola ad affrontare il caos e le mille luci di una Londra multietnica. Una città dove realizzare i propri desideri diventa un’impresa titanica mentre il sogno europeo di una vita attraverso i confini sembra lentamente svanire. Partire o restare? Questo progetto nasce da testimonianze di espatriati ed esperienze personali, dalle domande che sorgono e sono sorte nelle vite di italiane all’estero. Se è vero che la mobilità, come dicono in molti, è l’unico vantaggio della nostra generazione, dove ci sta portando? E acquisire una nuova cittadinanza cosa comporta per l’identità delle persone?

prevnext
prevnext

Ci sono un italiana, un’austriaca e…. Sembra una barzelletta ma poco si discosta dalla realtà. Siamo un gruppo di europei che vivono fra l’Italia e l’Inghilterra. Cecilia è un’italiana orgogliosa oltre che devota (e nostalgica) tifosa del Milan. Fra centinaia di pizze e chili di pasta, ha anche studiato teatro e musica, frequentato la Sorbona a Parigi e si è laureata in Lettere Moderne. Nel 2008 si è trasferita a Londra per proseguire gli studi teatrali all’accademia Drama Centre - Central Saint Martins. Da allora lavora fra l’Italia e l’Inghilterra come attrice, produttrice e scrittrice. Collabora regolarmente con Federico Buffa e Alessandro Nidi come regista e dramaturg e lavora con aziende come Hasbro, Amazon, Audible & Barilla come speaker. Nel 2008 ha fondato a Milano il collettivo “Fumatori di Carta”, diventato poi “Paper Smokers/Fumatori di Carta” nel 2014, un gruppo di cantastorie e narratori internazionali con base a Londra. PAPER Smokers / Fumatori di Carta (nome che vuole essere un omaggio a Cesare Pavese) è un collettivo artistico formato da attori e musicisti, diplomatisi presso l’Accademia d’Arte Drammatica Paolo Grassi, l’Accademia Drama Centre - Central Saint Martins di Londra e l’Accademia Internazionale della Musica di Milano. I nostri lavori includono teatro, musica, installazioni e cinema. Crediamo fermamente nel valore della collaborazione internazionale e nello scambio tra artisti provenienti da background disparati come strumenti per interpretare la contemporaneità. L’intersezione di linguaggi diversi è la frontiera che più ci interessa esplorare. Nel 2018 il collettivo è stato selezionato nel programma di mentorship della compagnia inglese Third Angel. Tra questi: - "Last Blues, To Be Read Some Day" che debutta al Circolo dei Lettori di Torino e successivamente va in scena al Festival Pavese, al Festival Fuorifesta del Teatro Arsenale di Milano e al Teatro Filodrammatici/Teatro Gioco Vita di Piacenza. - "Avrei Voluto Fare Del Cinema..." in collaborazione con la Fondazione Pavese, poi riproposto al Festival Internazionale La MaMa Spoleto Open. - "Lie Under The Sheets" all'interno di una rassegna di corti teatrali organizzata dall’istituzione londinese Old Vic New Voices. - "Mad in Itali" installazione basata sull’emergenza rifiuti in Italia che partecipa al Premio Arte Laguna. - "Food For Thought" al Vault Festival di Londra sull'ossessione contemporanea intorno al cibo. - "Rosalina Capuleti", un racconto della celebre tragica vicenda Shakesperiana attraverso gli occhi del primo amore di Romeo Montecchi; - "Expat Underground", un monologo sull’odissea contemporanea di giovani italiani alla ricerca della felicità in una Londra multietnica e sregolata; - "Miles Apart Together" un progetto ispirato alle imprese di Annie Londonderry, Bessie Coleman e Junko Tabei tre esploratrici pioniere dei diritti delle donne.

Expat Undeground - I figli se ne devono andare, ma se poi non tornano?

Una sola attrice. 2x2 metri di spazio scenico. Una luce per illuminare la scena

Ospita questo spettacolo

Scrivi la tua recensione

Accedi o Registrati

Voto allo spettacolo