TEATRO X CASA

Teatro Per Casa
Tempi maturi Play Video
Aggiungi ai preferitiVai alle recensioniPrenota un posto per l'evento

08MERCOLEDÌMaggio

Nella casa Casa della porta

Casa Apprendista

zona Novara centro

Novara (NO)

Offerta minima suggerita per questo evento: 12 euro.
Come viene calcolato il suggerimento

Tempi maturi

Di Allegra de Mandato con Emanuele Arrigazzi

Durata 50 minuti

Un monologo che racconta una vita. Realtà e finzione che s’intersecano. Il mondo dello sport e la nostra storia contemporanea. La paura di non farcela e le scorciatoie. Una performance in bilico su dei rulli liberi, il rischio di cadere è costante, la metafora si fa carne.

Share on Facebook

Casa della porta

Città:

Novara (NO)

Zona:

Novara centro

Capienza:

25 persone

Orario Apertura:

19:00

Orario Aperitivo:

19:00
Offerto dalla Casa

Orario Spettacolo:

20:15

Tempi maturi

Sinossi spettacolo:

Recitare sulla bicicletta sui rulli liberi richiede sicuramente un esperienza atletica e tecnica pregressa, pedalare sui rulli liberi richiede anche per un atleta di alto livello una grande concentrazione. L'attrito della ruota sul rullo è cosi minima che il manubrio che guida la bicicletta è soggetto a variazioni di direzioni sensibilissime, basta un leggerissimo disequilibrio e la ruota anteriore scende dal rullo e provoca una caduta. Che può essere con conseguenze più o meno pericolose. Quindi la recitazione è si ovviamente scandita dalle intenzioni dettate dal personaggio, ma il ritmo di battuta segue lo sforzo fisico e il fiato e la performance fisica la guida e l'attenzione dello sguardo costantemente sul rullo per non perdere equilibrio costringono l'interpretazione a non essere mai retorica ma il vera e urgente. Non esiste spazio a una recitazione virtuosa se non nel suo essere cosi cruda e sincera. E di conseguenza la scelta di affidarmi al solo suono del rullo e della bicicletta e della voce che in un flusso continuo senza quasi prendere fiato come in una folle corsa a inseguire i pensieri come un animale in gabbia un criceto che gira nella sua ruota.

Le parole inseguono il sudore, la stanchezza e la fatica, ma volano più alte in una storia che cerca di essere umana troppo umana, di raccontare non un eroe, ma solo un uomo, misero, mediocre, che cerca di stare a galla, ma anche combattivo e vivo alla ricerca disperata di una felicità, quell’ossimoro che forse siamo tutti, vogliamo solo essere disperatamente felici.