TEATRO X CASA

Teatro Per Casa
Manzoni senza filtro Play Video
Aggiungi ai preferitiVai alle recensioniPrenota un posto per l'evento

23SABATONovembre

Arona (NO)

Offerta minima suggerita per questo evento: 12 euro.
Come viene calcolato il suggerimento

Manzoni senza filtro

Compagnia Sementerie Artistiche. Con Manuela De Meo e Andrea Gobbo (nelle case il musicista Andrea Gobbo accompagna lo spettacolo solo in casi eccezionali)

Durata 60 minuti

Siamo sicuri che un libro si possa solo leggere? È proprio vero che i Promessi Sposi finiscono bene? L’Innominato era poi davvero un uomo così tutto d’un pezzo? E Manzoni, è realmente così mite o nasconde un’anima precocemente dark...?

Share on Facebook

Il Teatro sull'Acqua

Città:

Arona (NO)

Capienza:

40 persone

Orario Apertura:

19:30

Orario Aperitivo:

19:30
Condiviso

Orario Spettacolo:

21:00

Manzoni senza filtro

Sinossi spettacolo:

Manzoni senza filtro è un funambolesco viaggio tra le pagine dei Promessi Sposi. Partendo da un ironico incitamento all'uso dei libri nelle forme più inaspettate (da arma di difesa a origami d'amore) si sprona il pubblico a farsi liberatore dei personaggi rimasti schiacciati dal peso di un romanzo trasformato in mattone da tanta tradizione letteraria. Inizia così l'affabulazione della storia in cui appariranno scene originali del testo, legate da una narrazione serrata della vicenda.

La riscrittura, che rispetta lo stile, il senso e la profondità dell'opera originale, è funzionale all'avvicinamento alle orecchie d'oggi di un linguaggio e di un'impianto narrativo d'altri tempi. Emerge così l'incalzante ritmo di una storia degna di un thriller moderno piena di colpi di scena e stilettate all'umana tendenza alla corruzione e all'individualismo cieco del potere, che non hanno età.

Appariranno diversi personaggi, naturalmente Renzo e Lucia ma anche l'avvocato Azzecca Garbugli, il gran consigliere Antonio Ferrer, la monaca di Monza e l'immancabile Innominato messi a nudo nelle loro debolezze e contraddizioni.
Il criterio seguito per comprimere l'opera nella durata di un'ora è stato mettere in luce gli aspetti più comici e grotteschi di alcune scene e la critica politica nascosta dietro un apparente lieto fine che si fa tragico nella cruda realtà della peste.