Teatro Per Casa
Teatro Per Casa
Groppi d'amore nella scuraglia Diario di provincia IO, ovvero come sopravvivere all'epoca del narcisismo Lui e Leila Discorso sul Mito Il ritratto della salute Bestie rare Lampedusa è uno spiffero!!! Con le tue labbra senza dirlo Post partum Modern Family 1.0 Annunziata detta Nancy Mamma, Piccole tragedie minimali Arsura d'amuri Ragazza seria conoscerebbe uomo solo max 70enne 46 tentativi di lettera a mio figlio Don Chisciotte in Sicilia Murgia Fra la terra e il mare, Concert Phillip Bracken, Concert Il mio occhio destro ha un aspetto sinistro Primi passi sulla luna Pepe La Nasca Il piccolo guitto Reinis Jaunais, Concert Bim Bum Bang! Love is in the hair Opinioni di un uomo comune La vita non basta MANZONI senza filtro Coinquilini Tour Telemomò Davide Di Rosolini, Concert Make like a Tree, Concert
Aggiungi ai preferitiVai alle recensioniOspita lo spettacolo

Arsura d'amuri

di Norma Angelini con Fabio Monti

Durata 60 min

CANTATA PP'A ME' SICILIA, DA ZÙ 'GNAZIU U PUETA A MODUGNO... Uno spettcolo di teatro-canzone pp’a megghiu Sicilia: la vita, le lotte, le speranze e lo sguardo del grande poeta siciliano Ignazio Buttitta e i canti siciliani della tradizione alle reinvenzioni di Domenico Modugno

Share on Facebook

Sono siciliano. Ho 43 anni.
Ne avevo 27. Da 6 anni a Milano, ero da poco tornato a vivere in Sicilia. Sotto un vulcano, alto e nero, a Catania.
Per quelli come me, viene un momento in cui cerchi di capire da dove vieni. Venne allora.
Ma guardandomi attorno, sentivo la mia terra straniera. O meglio, lo straniero ero io.
Ogni tanto, in quei tempi, in epigrafe a corti cinematografci, o a racconti di autori siciliani, o citato in qualche intervista, sbucava fuori il nome di Ignazio Buttitta, poeta.
Le brevi frasi virgolettate, versi di poesie, mi bruciavano gli occhi e la pelle. Erano lampi, lapilli infuocati.
Una, due, tre volte. Dieci, venti, trenta volte. Lampi e fuoco. Piccole cicatrici restavano, a testimoniare che quelle frasi virgolettate lasciavano un segno tangibile, e pulsavano, a distanza di mesi.
Dissi tra me: andiamo a vedere chi è questo Buttitta, poeta. E la mia vita cambiò per sempre.
Ricordo l’emozione violenta. Ancora la provo, anni e anni dopo, ogni volta che canto ad altri quelle parole di fuoco... 

La megghiu Sicilia comincia da qui, da lui, da Zu ‘Gnaziu u pueta, dai suoi racconti e dalle sue poesie.

Canto in questo spettcolo l’anima profonda della megghiu Sicilia, quella di Ignazio Buttitta, poeta, di Rosa Balistreri, aedo e regina dei nostri canti, di Domenico Modugno, niente affatto siciliano, ma che nel sogno di incarnare l’anima di una terra non sua se non per amore di viscere, è riuscito come nessuno a rubarci l’anima e a cantarla forte. Come diceva Zù ‘Gnaziu u pueta: ARSURA D’AMURI. 

prevnext
prevnext

Norma Angelini (1974)


Autrice, scenografa e costumista toscana, formatasi all'Accademia di Belle Arti di Firenze. Ha lavorato con Arc-en-Terre di Massimo Schuster, Egumtetaro, CSS, Lst-Tettro, Tetaro Suginami di Tokyio, La Cità del Teatro di Cascina (PI), Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano (SI), Comptgnia ELAN (Galles).
Ha fondato con Fabio Monti la compagnia EmmeA’ Teatro ed è coautrice di tuti gli spettcoli della compagnia. 

 

Fabio Monti (1974)

Autore, attore, regista catanese, formatosi alla scuola “Paolo Grassi” di Milano, allievo di Danio Manfredini, Gabriele Vacis, Maria Consagra, specializzatosi alla Ecole des Maitres diretta da Franco Quadri con il maestro J. Delcouvellerie. E' stato tra i fondatori della compagnia Dionisi (insieme, tra gli altri, a Silvia Gallerano, Paolo Mazzarelli, Renata Ciaravino). Protagonista dello spettacolo di Peter Greenaway a Ortigiafestival, ha lavorato con Fura dels Baus, Compagnia MusellaMazzarelli, Marche Teatro, Cristian Ceresoli e Sivia Gallerano, Css di Udine, Teatro Stabile di Catania. Ha vinto il Premio Pino Veneziano e il Premio Vigata di Andrea Camilleri come Migliore Attore. 

Scrivi la tua recensione

Accedi o Registrati

Voto allo spettacolo