Teatro Per Casa
Teatro Per CasaVai alla disponibilità degli spettacoli
Due passi sono I Corteggiatori - Poesie d'amore da Merini a Neruda Un'ora di niente Annunziata detta Nancy Davide Di Rosolini, Concert Fra la terra e il mare, Concert Telemomò Ragazza seria conoscerebbe uomo solo max 70enne 46 tentativi di lettera a mio figlio Primi passi sulla luna Diario di provincia IO, ovvero come sopravvivere all'epoca del narcisismo La vita non basta Con le tue labbra senza dirlo Bestie rare Lui e Leila Bim Bum Bang! Il mio occhio destro ha un aspetto sinistro Terra di Rosa Don Chisciotte in Sicilia Mamma, Piccole tragedie minimali Il piccolo guitto Arsura d'amuri Murgia Opinioni di un uomo comune Love is in the hair Discorso sul Mito Post partum Tempi maturi Lampedusa è uno spiffero!!! Cuoro "Pop up!" Groppi d'amore nella scuraglia La Nasca Pepe Manzoni senza filtro Walking Dad - Nato Sotto il Segno dei Gamberi Il ritratto della salute
Aggiungi ai preferitiVai alle recensioniOspita lo spettacoloVai alla disponibilità degli spettacoli

La vita non basta

di e con Raimondo Brandi

Durata 60 min

"La letteratura è la dimostrazione che la vita non basta." Fernando Pessoa

Share on Facebook

Monologo per 8 personaggi

Amo i dialoghi dei film francesi, mi sentirei meglio se riuscissi a discutere a un tavolino in quel modo, accetterei sicuramente la solitudine se avesse una bella colonna sonora, e di ogni dolore sarei geloso se lo vivessi come un Faust o un Amleto. Insomma bisogna pur aggrapparsi a qualcosa per dare un senso alla vita, voglio dire per elevarla. Questo è quello che fa Angela: arriva in scena nella mia carne, certo meno femminile di come la immagino, e spiega che la sua vita non è niente se non la racconta: “Io volevo cammino pieno di curve che porta, torna e chiude perfetto come un romanzo, non volevo piccolo segmento di vita di Albània.”

prevnext
prevnext

Raimondo Brandi, Napoli, 1976.
2004 autore e interprete di SECURITY, monologo sui fatti dell’11 settembre.
2006 autore e interprete di La vita non basta.
2008-09 attore in Hamelin di Majorga per la regia di Manuela Cherubini. Lo spettacolo vince il premio UBU come migliore novità straniera.
2011 attore in Bizarra di R. Spreghelburd per la regia di Manuela Cherubini. Vince il secondo premio UBU come migliore novità straniera.
2012 autore di A.R.E.M. (Agenzia Recupero Eventi Mancanti) per la Compagnia Elena Vanni.
2013 autore del libro di narrativa di viaggio: Napoleone è albanese, ed. Mesogea

La vita non basta

Un attore, necessario spazio scenico 3x2,5, luci direzionabili e un volontario per aiutare nel cambio musiche

Controlla se lo spettacolo
è compatibile con la tua casa

Ospita questo spettacolo

Approfondisci

Scrivi la tua recensione

Accedi o Registrati

Voto allo spettacolo

Recensioni dello spettacolo

01/04/2019
Maria Ferro

Ottima interpretazione di un tema che ti lascia pensare

Visto a: Serendipity

Il: 30 Mar, 2019

È stata la mia prima volta. Ambiente inconvenzionale, accogliente ottima ospitalità. Raimondo poliedrico ti ammalia con la sua versatilità espressiva e ti accompagna nei meandri della riflessione attiva. Ottima serata

Voto:

Saluto alla casa: Ottimo tutto

11/03/2019
Ivano Tognassi

Emozione pura

Visto a: 39Vantini Oldstyle

Il: 9 Mar, 2019

Raimondo è un caronte che traghetta il pubblico in mille stati d'animo che sintetizzano in 50 minuti la metafora della vita attraverso il percorso di Angela . Interprete sublime che raccomando a tutti di vedere per arricchirsi culturalmente .Si va a casa consapevoli di aver investito la serata come meglio non si poteva! 50 spettatori gaudenti e soddisfatti ! errata corrige alla recensione di Laura Rinnovati : non era un prosecco !ma un Franciacorta millesimato Brut Emozione !!fa una grande differenza !!! ah ah

Voto:

11/03/2019
Laura Rinnovati Laura

Raimondo è una splendida Angela

Visto a: 39Vantini Oldstyle

Il: 9 Mar, 2019

Lo spettacolo mi è paiciuto molto. Un gioco clownesco di cambi d'abito per cambiare personaggio con accenti e vite differenti. Bravo Raimondo che è stato Angela, un personaggio alla ricerca della sua identità. Ottima l'accoglienza, in un negozio di oggetti di modernariato dove con il bicchiere in mano di prosecco si potevano osservare flipper e pattini a rotelle!!

Voto:

Saluto alla casa: Magnifica accoglienza nel foyer-scenico

Mostra altre recensioni