Teatro Per Casa
Teatro Per Casa
Post partum Murgia Bim Bum Bang! Phillip Bracken, Concert Modern Family 1.0 Lui e Leila Fra la terra e il mare, Concert Bestie rare Davide Di Rosolini, Concert Il piccolo guitto La Nasca Telemomò Diario di provincia Groppi d'amore nella scuraglia La vita non basta Don Chisciotte in Sicilia Con le tue labbra senza dirlo Arsura d'amuri Livia Make like a Tree, Concert Primi passi sulla luna Discorso sul Mito Pepe Lampedusa è uno spiffero!!! Love is in the hair Opinioni di un uomo comune Annunziata detta Nancy Ragazza seria conoscerebbe uomo solo max 70enne Il ritratto della salute Mamma, Piccole tragedie minimali 46 tentativi di lettera a mio figlio
Aggiungi ai preferitiVai alle recensioniOspita lo spettacolo

Il ritratto della salute

di e con Chiara Stoppa

Durata 65 minuti

"Si dimentica per un attimo la realtà e si ride" Franca Valeri

Share on Facebook

Tratto da una storia vera

Chissà com’è essere malati? Malati di tumore?
Un giorno me lo chiesi. E poi...
Quando i medici mi dissero che avevo pochi mesi di vita, iniziai a pensare a cosa dire ai miei amici, alle persone a me care, per un degno saluto.
Poi decisi che era meglio alzarsi dal letto, era meglio stare meglio, era meglio vivere no?
E...ad ogni modo, ora, dopo molto più che pochi mesi, sono qui. In piedi, con una storia da raccontare. 
E sono qui per questo. Dopo la mia guarigione, la gente mi cercava. Amici e sconosciuti. Mi chiamavano. Volevano sapere. Conoscere la mia storia. Che non è molto diversa da quella di altri. Ma unica in quanto personale. 
Ho incontrato molte persone. Ho parlato con loro. Ai tavolini di un bar. Per strada. Al parco. Parlavo. Raccontavo. Di me. Con la difficoltà di ripetere ogni volta la mia storia. Ma intravvedendo negli occhi degli altri la luce della speranza. Si sentivano capiti, protetti, ascoltati.
E così ogni volta che mi cercavano, ripetevo, parlavo, raccontavo.
Ma non è poi questo il mio lavoro?
Faccio l'attrice. Racconto e faccio vivere ogni volta una storia.
Questa volta è semplicemente la mia storia.

prevnext
prevnext

Sono Chiara, un’attrice diplomata al Piccolo Teatro di Milano. Dal 1999 lavoro come attrice professionista, inizialmente in alcune importanti produzioni del Piccolo Teatro, poi con altri registi come Gianfranco De Bosio, Peter Stein e Peppino Patroni Griffi. Nel 2004 ho la fortuna di lavorare al fianco di Franca Valeri, poi con Rossella Falk e Laura Marinoni. Nel 2003 conosco ATIR grazie ad un laboratorio, così inizio a conoscere il gruppo e gli spettacoli. Dopo aver partecipato a “Troiane” e a “Donne in Parlamento” nel 2007 divento socia ATIR. Qui conduco laboratori teatrali per bambini e per diversamente abili. Inoltre spesso mi capita di fare singole letture o spettacoli presso diversi enti come il Piccolo Tetro, le Librerie Feltrinelli, Mud Art Foundation etc. Attualmente sono presidente dell’associazione ATIR.

Il ritratto della salute

Un'attrice, spazio scenico di 3x3 circa, casse normali da computer e un tavolino 80x50x75 circa.

Controlla se lo spettacolo
è compatibile con la tua casa

Ospita questo spettacolo

Scrivi la tua recensione

Accedi o Registrati

Voto allo spettacolo

Recensioni dello spettacolo

19/02/2018
Ambretta Sampietro

NO

Visto a: Teatro dei 2 Elfi

Il: 12 Gen, 2018

Trovo questo spettacolo non adatto ad essere rappresentato in una casa per varie ragioni. L'attrice si è presentata con un cane, io ho paura dei cani e non mi sono sentita a mio agio. Non mi piace il messaggio che si può guarire dal cancro smettendo di curarsi. Da ultimo mi sono sentita in imbarazzo soprattutto per il padrone di casa per l'insistenza con cui è stato chiesto l'obolo con la specifica che l'attrice voleva solo carta (l'offerta minima è 12 euro e ancora non esistono banconote da 2 euro).

Voto:

Saluto alla casa: splendida casa, magnifica serata e suntuosa accoglienza

28/01/2017
gabriella barbieri

Cronaca di una morte annunciata

Visto a: OBYARTStudio

Il: 28 Gen, 2017

Chiara, vero animale da palcoscenico, ci accompagna lungo il difficile tormentato percorso attraverso la sua malattia, con tutta la sua forza, modulandosi tra leggerezza, tragedia e ironia senza lasciarci mai neanche per un attimo. Il racconto percorre tutte le tappe di un decorso difficile che grazie alla possibilità di trovare la propria libertà interiore le ha permesso di non farsi travolgere e portare via. A essere 'ciò che si è'.

Voto:

Saluto alla casa: Grazie mille per il dono di questi eventi.

28/01/2017
Emil Cozlosche

Bello

Visto a: OBYARTStudio

Il: 28 Gen, 2017

Bella location , molto intima e calorosa, . Bravi

Voto:

Mostra altre recensioni